La Catacomba di San Giovanni fu iniziata nel IV secolo sulla struttura di un preesistente acquedotto greco che venne scavato e allargato per ottenere ampie gallerie e rotonde con diverse tipologie di sepolture: loculi, arcosoli e fosse terragne.
Vi si trovano: il Sarcofago di Adelfia, monumento marmoreo di singolare bellezza interamente scolpito, e l’iscrizione di Euskia “l’ombrosa” che attesta la devozione a Santa Lucia, patrona di Siracusa, fin dal V secolo.

Le tipologie di sepoltura rinvenute sono quelle canoniche: loculi (piccole cavità rettangolari per l’inumazione di bambini), arcosoli (tombe più complesse, spesso affrescate, che potevano ospitare anche intere famiglie) e fosse terragne (scavate nel suolo, meno nobili, tipiche dello sfruttamento intensivo della necropoli).
La Catacomba di S. Giovanni è stata costruita seguendo l’impianto di un precedente acquedotto greco, secondo una pianta che ricalca quella dell’accampamento militare romano, il castrum.

Dall’unico ingresso si diparte il decumanus maximus, la galleria principale, dalla quale si diramano cinque cardines a nord e altrettanti a sud. Queste gallerie conducono a rotonde, funzionali ai riti e alla preghiera, ricavate dalle cisterne del preesistente acquedotto.

La prima rotonda che si incontra nella zona meridionale è quella di Marina. A sud della rotonda si imbocca una breve galleria che conduce all’arcosolio del vescovo Siracosio, al di sotto del quale si distinguono il monogramma di Costantino e due barche a forma di pesce. Per i primi cristiani la barca simboleggiava la Chiesa; il pesce era un acrostico le cui lettere iniziali in greco (ictus) formano la frase “Gesù Cristo figlio di Dio Salvatore”.

Da quella di Marina si passa alla rotonda di Adelphia. Qui nel 1872 l’archeologo Cavallari portò alla luce un sarcofago in marmo, oggi conservato al Museo “Paolo Orsi” a Siracusa, sul quale erano scolpiti 62 personaggi e scene dell’Antico e del Nuovo Testamento: al centro una conchiglia che ospita i busti di Adelphia e del marito, il proconsole Valerio.
Proseguendo si trova la Rotonda dei Sarcofagi (o delle sette vergini); il ritrovamento di un’iscrizione dedicata alle beate vergini Filomena e Fotina, permette di ipotizzare la loro appartenenza a una delle prime comunità monastiche.

Tornando indietro si trova il Cubicolo di Eusebio, piccola cisterna quadrangolare dove fu rinvenuta la sepoltura che ha temporaneamente ospitato le spoglie del Papa Eusebio prima che fossero traslate nelle catacombe di Callisto a Roma. Sempre in questa ex cisterna è stata ritrovata una testimonianza epigrafica, che data la morte di Euskia nel giorno della festività di Santa Lucia (patrona di Siracusa), il 13 dicembre; l’iscrizione è di assoluta rilevanza dal momento che attesta la devozione e il culto per la santa già nel V secolo.

Ripercorrendo un tratto del decumanus maximus, ci imbattiamo nell’arcosolio interamente affrescato di Deodata. Nella parte superiore è raffigurato Cristo nell’atto di incoronare la defunta, gesto che simboleggia il suo ingresso in Paradiso; ai lati gli apostoli Pietro e Paolo.
Nel lato settentrionale della catacomba, percorrendo il decumanus minor, incontriamo la rotonda di Antiochia, un vero e proprio pantheon realizzato nel sottosuolo al quale si accede mediante una scala. Sulle pareti vi sono tracce di colonne sormontate da capitelli.

All’inizio della seconda galleria settentrionale della catacomba ritroviamo la cosiddetta “Tomba del Santo” sulla cui lastra di copertura vi sono segni di un rito antico: il refrigerium, banchetto funebre celebrato nel dies natalis. Attraverso i tre fori della lastra venivano versati vino, latte e miele che arrivavano alla bocca del defunto mediante tubicini in rame.

La catacomba, come la vicina basilica, ha subito la profanazione dei popoli invasori arrivati a Siracusa, Vandali, Goti e Saraceni. Queste ripetute violazioni hanno lasciato della necropoli solamente lo “scheletro denudato”, per usare le parole dell’archeologo Paolo Orsi: fu proprio lui che cominciò a indagare con una certa sistematicità, nei primi anni del XX secolo, questa “città sotterranea dei morti”.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus quis malesuada massa, sit amet ullamcorper urna. Vivamus non porta mi, vel facilisis metus. Aenean et bibendum ipsum. Duis purus purus, congue ut lacus at, iaculis ultrices mauris. Morbi vehicula erat non metus hendrerit elementum. Aliquam mattis diam mauris, ac egestas eros semper vitae. Vivamus ut vestibulum dolor, vel condimentum libero. In hac habitasse platea dictumst. Phasellus diam justo, accumsan eu vestibulum vitae, efficitur commodo metus. Phasellus dapibus rutrum metus at vulputate. Maecenas tincidunt lorem non mauris luctus lacinia. Sed sit amet tincidunt purus. Praesent iaculis lectus velit, in tincidunt enim feugiat eget. Nam semper sapien lacus, nec malesuada massa rutrum euismod.

Nam ac ante odio. Quisque iaculis ipsum et luctus blandit. Quisque odio turpis, dignissim vitae nulla et, consequat congue sem. Vivamus facilisis mauris sed ex molestie, a interdum diam scelerisque. Vivamus semper enim non arcu ullamcorper, eget cursus nisl mattis. Praesent at risus id urna tristique facilisis. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Fusce eu erat lorem. Aliquam erat volutpat. Maecenas vel vestibulum neque, in tristique urna. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Integer massa leo, iaculis in malesuada a, vestibulum quis ipsum. Aliquam at lectus accumsan, lobortis risus sit amet, sodales ex.

Suspendisse ut odio efficitur velit tristique dictum quis eu urna. Integer non leo in turpis vestibulum cursus. Ut sodales porta velit ut sollicitudin. Morbi ut tristique elit. Proin eu libero nec erat suscipit rhoncus vel auctor ligula. Proin rutrum ex in arcu molestie, id scelerisque elit placerat. Aenean posuere, arcu quis ultricies tristique, enim nisi blandit libero, volutpat hendrerit velit erat non diam. Curabitur nunc diam, finibus eget magna in, rutrum porta enim. Quisque ut quam sed felis suscipit ultricies in cursus sapien. Orci varius natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Nam congue dui nec porta malesuada. Curabitur aliquam, quam et dapibus placerat, magna justo iaculis quam, eu porta odio enim a dolor.

Donec eget augue ut odio tempus auctor eu non quam. Curabitur eu tempor diam. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Maecenas hendrerit arcu nisl, ac elementum tellus luctus vitae. Nullam ultricies, tortor eu laoreet suscipit, sapien nunc efficitur dolor, sit amet pellentesque felis quam eu odio. Vivamus consectetur dapibus tempor. Sed vitae convallis lectus. Morbi bibendum nibh velit, pretium blandit velit pharetra sed. Etiam tincidunt ante arcu. Nulla efficitur sit amet tortor in ultricies. Donec pharetra maximus turpis ac lobortis.

I believe that a simple and unassuming manner of life is best for everyone, best both for the body and the mind. Albert Amjad

Sed iaculis nunc vel nulla suscipit sollicitudin. Vestibulum sed maximus nisl. Nunc pellentesque odio a nisi gravida mollis. In scelerisque, ligula ac accumsan hendrerit, tellus velit condimentum ipsum, non accumsan augue felis sed elit. Nullam vitae purus vel nulla tempus lobortis placerat vel magna. Donec pulvinar urna id tellus suscipit, id rhoncus sapien elementum.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus quis malesuada massa, sit amet ullamcorper urna. Vivamus non porta mi, vel facilisis metus. Aenean et bibendum ipsum. Duis purus purus, congue ut lacus at, iaculis ultrices mauris. Morbi vehicula erat non metus hendrerit elementum. Aliquam mattis diam mauris, ac egestas eros semper vitae. Vivamus ut vestibulum dolor, vel condimentum libero. In hac habitasse platea dictumst. Phasellus diam justo, accumsan eu vestibulum vitae, efficitur commodo metus. Phasellus dapibus rutrum metus at vulputate. Maecenas tincidunt lorem non mauris luctus lacinia. Sed sit amet tincidunt purus. Praesent iaculis lectus velit, in tincidunt enim feugiat eget. Nam semper sapien lacus, nec malesuada massa rutrum euismod.